A Pesariis [Udine] il bosco è proprietà collettiva, e garantisce lavoro

E-mail Stampa PDF

A Pesariis, frazione montana del comune di Prato Carnico [provincia di Udine], centinaia di ettari di bosco e alcuni antichi edifici utilizzati per alberghi e servizi sono «proprietà collettiva» gestita da un comitato denominato Amministrazione dei Beni civici di Pesariis. La proprietà collettiva ha chiuso il 2010 con un bilancio in attivo, dà lavoro a sette persone, gestisce l'unico negozio di alimentari del paese e garantisce la manutenzione del territorio. La legna viene venduta o usata per ardere dai cittadini, e c'è un'attiva tradizione artigianale di costruzione di orologi. Qui sotto il comunicato dell'Amministrazione frazionale sulla relazione di fine anno.

L’Amministrazione fazionale ha presentato la Relazione di sintesi sulla gestione
Beni civici di Pesariis: i traguardi del 2010 Occupati cinque dipendenti diretti e due collaboratori

Cinque dipendenti impegnati nella gestione diretta del patrimonio civico e dell’unico negozio di alimentari del paese; due collaboratori impegnati nella gestione della Residenza turistico alberghiera “Casa Pesarina” e della “Bottega del Tempo”; oltre 2mila metri cubi di legname lavorati; e un confortante avanzo di gestione, pari a 101mila euro [dovuto per il 60% ad entrate straordinarie]: sono questi i dati salienti della “Relazione di sintesi sulla gestione 2010”, diffusa nei giorni scorsi dall’Amministrazione dei Beni civici di Pesariis.

La Proprietà collettiva della Val Pesarina [www.pesariis.it], da anni, gestisce in modo moderno ed innovativo il proprio patrimonio civico, costituito da 850 ettari di terreni improduttivi, 550 ettari di bosco di
produzione e 250 ettari di bosco di latifoglie, nonché da una serie di edifici comunitari tutti ormai restaurati e rinnovati nella loro funzionalità [oltre alla “Casa Pesarina”, la Latteria, la Casa storica dell’Orologio, l’Hotel Pradibosco, la Residenza “Da Cuesta”, il Bivacco “Entralais”, il Lavatoio e la Fonte solforosa]. La gestione diretta della foresta collettiva, seguita all’abbandono del sistema residuale delle “vendite in piedi”, ha consentito di adottare il sistema della “vendita per assortimento”. Tale modalità, unita al leggero aumento dei valori di mercato e alla vendita senza costi d’intermediazione commerciale, ha consentito di conseguire un risultato operativo di 55 euro al metro cubo,
contro i 28 del 2009.

Forte di questa operatività e incoraggiata dal Coordinamento regionale della Proprietà collettiva [che nell’ex Latteria di Pesariis ha la propria sede amministrativa e che ritiene decisivo avviare in ogni parte della Regione “Progetti di gestione associata dei patrimoni civici”], l’Amministrazione di Pesariis ha partecipato alla gestione forestale della Proprietà collettiva di Givigliana-Tors, insieme alla quale sono stati
presentati con successo anche due progetti sull’innovazione organizzativa che consentiranno l’acquisto di una gru a cavo mobile e di un transporter 4x4, grazie ad un finanziamento regionale. Mediante la propria azienda boschiva, il Comitato, presieduto da Emilio Cleva e composto dai consiglieri Flavio Machin, Dino Solari e Roberto Solari, ha potuto sviluppare ulteriormente anche il servizio di legna da ardere ai
residenti.

A completamento delle iniziative per la valorizzazione di Pesariis come “Paese degli Orologi” e in attesa che la “Mostra dell’Orologeria pesarina” possa essere allestita nella sede naturale dell’ex Palazzo frazionale, da qualche anno l’Amministrazione dei Beni civici ha avviato la “Bottega del Tempo”, il cui obiettivo è passare dalla vendita stagionale di oggettistica, di libri e pubblicazioni alla proposta di manufatti artigianali di qualità tipica o superiore, e la società “Valtempo Orologi”, per la produzione di orologi domestici per interni e di orologi monumentali di arredo urbano. Al giorno d’oggi [imputando a zero il prezzo dei terreni non utilizzabili e rivalutando i dati storici], il patrimonio netto della Proprietà collettiva di Pesariis è pari a 9,3 milioni di euro, edifici compresi.

AddThis Social Bookmark Button
Commenti (1)
venezia pesariis
1Giovedì 26 Gennaio 2012 23:46
franco de nardi
salute a tutti,
siamo un gruppo di amici di venezia, io tra l'altro sono di origine friulana da pordenone/porcia,
trovo ottima la vostra amministrazione dei beni civici molto coinvolgente a livello di realtà montana e di tutela del territorio,
volevamo venire da voi per un duplice motivo non conosco la vostra valle anche se sono stato sia a ligosullo,forni avoltri, sauris, forni di sopra,timau,paularo, praticamente attorno al vostro comune e sarei contento di trovare un buon albergo e se fosse anche un'ottima genuina cucina, a venezia mi chiamano matondeoro e forchetta d'oro e sicuramente da voi mi troverei bene, viste le notizie che ho raccolto;
il mio amico ha un vecchi orologio a pendolo da sistemare e quindi sarebbe un'ottima occasione, visto che il vostro paese e famoso per questo;
un'altra domanda che vorrei farvi e se il prezzo che indicate di 55 euro al m3 è inteso come già pronto all'uso avendo da valutare una analoga situazione che potrebbe interessarmi seppur in altra località,
grazie della cortese attenzione e ancora complimenti per le persone che rispettano l'ambiente,
franco de nardi

Aggiungi un commento

Il tuo nome:
Indirizzo email:
Sito personale:
Titolo:
Commento:
  La frase di verifica. Solo lettere minuscole senza spazi.
Frase di verifica: