Dal Tar il primo Stop alla discarica di Fornase

E-mail Stampa PDF

Primo pronunciamento favorevole al ricorso presentato dai Comuni di Spinea e Mira.

Prima vittoria dei cittadini e dei comitati e dei gruppi politici aderenti al Coordinamento NO discarica, che assieme al nostro hanno creduto nella possibilità che la mobilitazione con la manifestazione, la raccolta firme dell'anno scorso, potessero creare un movimento di opinione e un livello di attenzione sull'argomento.

Il ricorso presentato dai sindaci ha avuto un primo riscontro positivo laddove sono state accolte in toto le indicazioni che da mesi andavamo denunciando, in particolare sullo stato degli argini e sul rischio di cedimento per il previsto innalzamento del livello con il conferimento di altri rifiuti, oltre alla mancanza di considerazione della distanza di legge dalle abitazioni.

Secondo il Tar sarebbe stata infatti omessa un'adeguata considerazione della ricarica e dell'innalzamento dei terreni a ridosso dell'arginatura del canale Menegon, tra Spinea e Mira, che risulta in una condizione di dissesto recentemente aggravatosi, come indicato anche dal Consorzio di Bonifica Acque Risorgive. Inoltre, non è stata adeguatamente considerata la presenza di edifici in prossimità della discarica, secondo le distanze previste per legge. Per queste ragioni, il Tar ha deciso di sospendere l'efficacia dell'atto regionale, fissando la sentenza definitiva per febbraio 2012.

Il livello di attenzione però non deve essere abbassato. Per questo il coordinamento NO discarica continuerà a tenere focalizzata l'attenzione dei cittadini e dei media sul sito di Fornase, ritenendo prioritario continuare nell'opera di informazione e sensibilizzazione fino a Febbraio, quando ci sarà il pronunciamento definito, noi ci auguriamo con la conferma della non apertura.
Rimangono sempre aperti i problemi relativi al percolato e alla necessità della messa in sicurezza, rimangono aperti gli spazi per la definizione, ora con qualche elemento sostanziale in più, per l'accoglimento della proposta dopo la messa in sicurezza, della trasformazione della piana dell'area della discarica in un campo fotovoltaico.

Qui i dettagli del progetto per la discarica di Fornase, promossa dalla ditta Integra srl, ex Ecoveneta spa

AddThis Social Bookmark Button

Aggiungi un commento

Il tuo nome:
Indirizzo email:
Sito personale:
Titolo:
Commento:
  La frase di verifica. Solo lettere minuscole senza spazi.
Frase di verifica: