Gli inceneritori sono troppi. Lo dice l'Arpav

E-mail Stampa PDF

Lo certifica l'agenzia regionale per la protezione dell'ambiente del Veneto [Arpav]: gli impianti di smaltimento e i termovalorizzatori oggi attivi sono sovradimensionati rispetto alle necessità.

Vanno lette in questa luce le dichiarazioni estive dell'assessore regionale all'ambiente Maurizio Conte: «stiamo verificando con i tecnici la possibilità di convertire alcune linee degli impianti esistenti, dedicate all'incenerimento dei rifiuti urbani - ha detto l'assessore a mezzo stampa - così che possano farsi carico anche di quelli speciali. In questo modo, ritengo che il Veneto possa raggiungere la piena autosufficienza, che è il nostro primo obiettivo».

 

Tutto questo dopo l'autorizzazione da parte della stessa Regione Veneto, poco più di un mese fa, all'ampliamento di una delle tre linee di smaltimento dell'inceneritore Ca' Capretta a Schio [Vi].

 

 

AddThis Social Bookmark Button

Aggiungi un commento

Il tuo nome:
Indirizzo email:
Sito personale:
Titolo:
Commento:
  La frase di verifica. Solo lettere minuscole senza spazi.
Frase di verifica: