Padova: i nodi dello sviluppo scorsoio. E le proposte per scioglierli L'Elefante Festival del tempo lungo, dal 15 al 25 giugno 2017 a Padova, con la partecipazione anche di Lies Working Title Film Festival 2, a Vicenza il festival del cinema del lavoro. Seconda edizione dal 27 aprile al 1° maggio 2017 L'infinito Viaggiare, laboratori, libri, incontri a Padova da marzo a dicembre 2016 Video: Indagare la realtà. L'inchiesta sociale tra stereotipi e cambiamento. Il convegno a Padova il 24 febbraio 2011

Una serata in memoria di Alessandro Leogrande il 28 marzo a Padova

15/3/2018 | 14:04

Serata in memoria di Alessandro Leogrande
Anche qui a Padova la morte di Alessandro Leogrande, improvvisa e ferocemente prematura, ha lasciato molti attoniti e commossi. Leogrande è venuto più volte a Padova per presentare i suoi lavori e per collaborare a seminari ed incontri dove ci ha raccontato i retroscena del suo lavoro, i suoi strumenti del mestiere e il suo approccio etico sul lavoro di inchiesta. Abbiamo pensato che una personalità così feconda e umana andasse ricordata affinché diverse persone – chi l’ha conosciuto, chi ha potuto leggere le sue opere o chi, semplicemente, ha sentito parlare di lui – possano incontrare il suo pensiero e il suo percorso di vita.

Proponiamo di ricordare Alessandro Leogrande, il 28 marzo alle 20.30 alla Sala Giorgio La Pira (via Tonzig 9, zona Stanga), chiedendo a Gabriele Proglio – storico, ricercatore all’Università di Coimbra, un intellettuale che l’ha conosciuto e ha incrociato le sue ricerche – di ricordare la sua figura richiamando i temi più generativi del suo lavoro. Alcuni ragazzi del Liceo Curiel, guidati dall’insegnante Giovanni Petrina, che hanno partecipato al progetto della World Social Agenda dedicato alle migrazioni leggendo il suo ultimo libro, La Frontiera, interverranno offrendo le loro riflessioni. Interverrà anche Francesca Benciolini, assessora al Decentramento del Comune di Padova.

Nel corso dell’incontro verrà presentato il progetto del “premio Leogrande – La Frontiera”.

Promosso dall’associazione Laboratorio per l’inchiesta economica e sociale – Lies con il contributo dell’Assessorato al decentramento e alla cooperazione internazionale e pace – Comune di Padova.

Qui l’evento Facebook della serata.

Qui l’archivio audio-video dei seminari di Alessandro Leogrande con Lies.

Working Title Film Festival, sostieni la terza edizione!

8/3/2018 | 00:32

wtff_2018_crowd_facebook-v2Working Title Film Festival – festival del cinema del lavoro si avvicina alla terza edizione, che si svolgerà dal 27 aprile al 1 maggio 2018 a Vicenza, al Ridotto del Teatro Comunale e allo spazio Exworks.

Dopo il bando di concorso internazionale, i cui termini sono scaduti il 31 dicembre 2017, e la selezione dei film, il programma sarà reso noto nelle prossime settimane.

WTFF una realtà indipendente che non potrebbe esistere senza il lavoro e la passione degli organizzatori e la partecipazione del pubblico.

Potete sostenere la terza edizionedonando un contributo all’associazione promotrice Lies – Laboratorio dell’inchiesta economica e sociale.

Nel frattempo è possibile prenotare un accredito al festival (dal costo di 40 euro per 10 proiezioni al Teatro Comunale e le proiezioni e gli eventi ospitati allo spazio Exworks), oppure acquistare la borsa di tela e la spilletta con i colori della terza edizione del festival (al costo di 20 euro). Si può pagare via bonifico o PayPal. Tutti i dettagli a questo link.

Alessandro Leogrande e l’inchiesta: un archivio audio e video per ricordarlo

30/11/2017 | 17:48

alessandro-leogrande-982x540Alessandro Leogrande è morto nella sua casa di Roma la mattina di domenica 26 novembre 2017. Aveva solo 40 anni. Per noi di Lies, come per i tanti che avevano avuto la fortuna di conoscerlo e di collaborare con lui, è stata una pessima notizia.

Giornalista e scrittore, vice direttore della rivista Lo Straniero, autore di un pugno di inchieste narrative sui temi chiave del nostro tempo che continueremo a sfogliare nei prossimi anni, Alessandro univa una grande cultura, una grande umiltà e una rara simpatia umana.

Nei suoi lavori – oltre ai libri, molti articoli e trasmissioni radiofoniche – l’accuratezza e l’approfondimento non scadono mai nella semplificazione o nella posa della denuncia fine a se stessa. Al centro della sua scrittura ci sono le storie delle persone più umili, raccontate con dignità e rispetto, contestualizzate in contesti storici di ampio respiro.

Per Lies Alessandro Leogrande è stata e continuerà ad essere una persona importante. Fin dall’inizio è stato sempre disponibile e curioso del nostro incedere un po’ confuso. Lo abbiamo invitato più volte a Padova, a presentare i suoi libri e a raccontarci i retroscena del suo lavoro, i suoi strumenti del mestiere e il suo approccio etico sul lavoro di inchiesta.

UN ARCHIVIO

In questa pagina raccogliamo le preziose tracce digitali che Alessandro Leogrande ha lasciato durante i nostri incontri. È un piccolo contributo, che non servirà a colmare il vuoto che questa perdita lascia ma che speriamo possa contribuire a far conoscere la sua opera e il suo pensiero.

Pubblichiamo il video integrale, registrato il 27 ottobre 2016 al liceo scientifico Eugenio Curiel di Padova, dell’incontro “Le frontiere della migrazione nei media”, in cui dialoga con Gianni Belloni e con gli studenti a partire da “La frontiera”, presentandolo in quei giorni anche nell’ambito del progetto L’infinito viaggiare. L’incontro al liceo Curiel era organizzato all’interno del progetto World Social Agenda a cura di Fondazione Fontana.

Nei link che seguono trovate i file audio dei tre seminari che Alessandro ha tenuto nei laboratori di inchiesta di Lies fra il 2011 e il 2013.

Nel marzo 2011 parlò del suo metodo di scrittura e inchiesta e del suo libro “Uomini e caporali” sul caporalato nelle campagne pugliesi).

Nel novembre 2011 la sua “monografia” fu su “Il naufragio. Morte nel Mediterraneo” che ricostruiva l’affondamento della nave Kater i Rades, la prima “strage del mare” in cui trovarono la morte 57 albanesi che stavano attraversando il Canale d’Otranto per raggiungere le coste italiane.

Nel maggio 2013 ci raccontò i retroscena di “Fumo sulla città”, il reportage sull’Ilva e la sua Taranto.

 

Nodi dello sviluppo scorsoio: le foto delle visite a ex Foro Boario, via Anelli, Torre Gregotti e Pp1

26/10/2017 | 23:29

Un reportage fotografico di Mara Scampoli ha documentato le passeggiate guidate ai “Nodi dello sviluppo scorsoio” di Padova, un progetto di Lies curato da Gianni Belloni nell’ambito del progetto La città (in)visibile: segni e mappe del nostro tempo, sostenuto dalla Fondazione Cassa di Risparmio di Padova e Rovigo, nell’ambito del bando Culturalmente.

Ex Foro Boario corso Australia, 16 settembre 2017. Accompagnatori: Fabio Tonello, Paolo Coltro

16092017-dsc_0669-1
« 1 di 19 »

Leggi tutto »

Ultimi articoli

Commenti

Abbònati