L'infinito Viaggiare, laboratori, libri, incontri a Padova da marzo a dicembre 2016 Working Title Film Festival, a Vicenza appuntamento con il cinema del lavoro Video: Indagare la realtà. L'inchiesta sociale tra stereotipi e cambiamento

Progetto “L’infinito viaggiare” a Padova

12/3/2016 | 16:45

logo infinito viaggiare small per fb

Lies è associazione capofila del progetto L’infinito Viaggiare – Storie, letture e racconti della “società del migrare”, finanziato dal bando “CulturalMente 2015” della Fondazione Cassa di Risparmio di Padova e Rovigo. Il progetto coinvolge 4 librerie, 5 associazioni e l’università di Padova, le iniziative si tengono da marzo a dicembre 2016.

Lies cura la comunicazione del progetto, e promuove un laboratorio di inchiesta sul viaggio e un laboratorio di scrittura etno-antropologica. Le informazioni qui.

Vi invitiamo a seguire le attività del fitto calendario de L’infinito Viaggiare sul sito www.infinitoviaggiare.it e sulla pagina Facebook qui.

Il viaggio come antidoto alla paura e all’insicurezza: è questo il filo rosso che percorre il progetto L’infinito Viaggiare: storie, letture e racconti della “società del migrare”, che per dieci mesi, da marzo a dicembre 2016, animerà la città di Padova con una costellazione di eventi aperti alla cittadinanza tutta. Quattro librerie, cinque associazioni e l’Università si alleano nel promuovere laboratori di inchiesta e di scrittura autobiografica, mostre, presentazioni di libri, passeggiate interculturali e teatro sulla cultura del viaggio e il racconto delle migrazioni.

Il progetto è sostenuto dalla Fondazione Cassa di Risparmio di Padova e Rovigo nell’ambito del bando Culturalmente 2015. Capofila è l’associazione LIES – laboratorio dell’inchiesta economica e sociale, affiancata da Officine Arte TeatroL’Albero dei desideriVite in Viaggio, e Cooperativa Nuovo Villaggio; le quattro librerie aderenti sono Pangea – libreria di viaggio, Pel di Carota – libreria per ragazzi, Lìbrati – libreria delle donne, Libreria Zabarella. Il Dipartimento di Filosofia, Sociologia, Pedagogia e Psicologia Applicata (Fisppa) dell’Università di Padova realizzerà un report sulle attività.

Working Title Film Festival, Lies promuove il cinema del lavoro

6/3/2016 | 00:46

Working Title Film Festival 2016Lies promuove un nuovo festival a Vicenza, dedicato al cinema del lavoro: Working Title Film Festival si tiene dal 27 aprile al 1° maggio 2016 con proiezioni di film al Cinema Primavera e una serie di eventi collaterali, fra cui una mostra fotografica presso lo spazio Exworks e un dibattito sul “Primo maggio dei freelance” al Polo Giovani B55.

Il festival è finanziato anche grazie al contributo del pubblico, che può contribuire alla campagna di crowdfunding lanciata sulla piattaforma Eppela, a questo link. Tutte le informazioni e il programma della prima edizione sono sul sito www.workingtitlefilmfestival.it. A questo link i comunicati e la rassegna stampa. Di seguito il testo di presentazione del festival, che vuole diventare un appuntamento costante nel tempo (e potenzialmente itinerante nello spazio).

Working title: nel gergo cinematografico,
titolo di lavorazione provvisorio di un film

Working Title è un festival cinematografico che ambisce a ridare centralità e senso al discorso sul lavoro. Mai come in questa epoca il lavoro è pervasivo, non ha limiti di tempo né di spazio, ma allo stesso tempo mancano occasioni di riflessione e confronto sul senso che questa trasformazione produce nella vita quotidiana delle persone.

Le nuove generazioni hanno assistito allo sgretolamento delle vecchie sicurezze e si affacciano a un mondo del lavoro reso frammentato e precario da crisi economica e riforme legislative. Ma la necessità di inventarsi un lavoro che non c’è può diventare la spinta a creare nuovi modelli economici, culturali e sociali in grado di trasformare la condanna della precarietà in un’opportunità.

Da questi presupposti nasce l’urgenza di un appuntamento che, a partire dai film, generi momenti di confronto aperto a tutta la cittadinanza di Vicenza ma potenzialmente replicabile in altre città.

Working Title Film Festival presenta una selezione di film documentari, di finzione e di animazione e di narrazioni seriali di recente produzione. La scelta è stata dettata dall’alta qualità artistica e dalla capacità di affrontare il tema del lavoro con punti di vista, estetiche, stili originali.

Working Title Film Festival è un festival modulare. Mette in dialogo il linguaggio audiovisivo, che avrà il suo luogo deputato al Cinema Primavera, con la fotografia e l’audiodocumentario, allestiti a Exworks, ex officina riconvertita in luogo per l’arte e il lavoro creativo. Il terzo tassello è costituito dal confronto a più voci fra le varie anime del lavoro freelance, indipendente e creativo, nella cornice del Polo giovani B55. Il quarto tassello, nello spazio Unione Collector, è costituito dalla musica e dalla videoarte.

Comprendere i conflitti ambientali: un corso a Padova con A Sud, CDCA e LIES

3/2/2015 | 15:11

a_sud_lies_corso_padova_2015A Sud e il CDCA (Centro di Documentazione sui Conflitti Ambientali) promuovono, assieme a LIES, Laboratorio dell’Inchiesta Economica e Sociale, un corso intensivo per imparare ad analizzare, documentare, mappare e comunicare le emergenze ambientali del territorio. “Comprendere i conflitti ambientali”: quattro moduli formativi di 6 ore ciascuna per acquisire elementi cognitivi e analitici rispetto ai fattori di rischio ambientale presenti sul territorio, indagarne le cause, denunciarne gli impatti.
Il corso si tiene a Padova a partire dal 6 febbraio 2015. Le iscrizioni sono aperte fino a Martedì 3 Febbraio 2015, per informazioni e iscrizioni inviare una mail all’indirizzo: corsocdca @ gmail.com.
Vedi il Progetto di formazione sui conflitti ambientali sul sito di A Sud Onlus.

Leggi tutto »

Paesaggi camminabili, arte e urbanistica partecipata: Laboratorio Ferrovieri a Bassano per “Mind your step” (domenica 24 agosto)

20/8/2014 | 10:37

logomindDomenica 24 agosto 2014 presso lo Urban Center di Bassano del Grappa si terrà una tavola rotonda in cui sarà presentato il progetto Laboratorio Ferrovieri seguito da LIES a Vicenza nel 2012 (qui il blog con la mappa interattiva del quartiere).
La tavola rotonda verterà su coreografia, urbanistica, paesaggi camminabili, il coinvolgimento delle comunità locali nel processo decisionale e il modo in cui l’arte può avere un impatto sullo sviluppo urbanistico.

L’incontro si inserisce nell’ambito del progetto Mind your step, che vuole creare occasioni di confronto su arte, attivismo e spazi urbani, ed è ospitato nella programmazione di OperaEstate.
Il programma prevede due sessioni:
quella mattutina (dalle 10 alle 13) vedrà il dibattito fra

- il ricercatore Matteo Corsi del progetto Kallipolis
- l’attivista e animatore culturale croato Teodor Celakoski del progetto Pravo na grad
- il giornalista Giulio Todescan di LIES che presenterà il Laboratorio Ferrovieri
- la coreografa e architetto Tiziana Bolfe Briaschi

e quella pomeridiana (dalle 15.30 alle 18) con alcune performance di danza contemporanea nello spazio urbano di Bassano:

- la nuova produzione site-specifica di Tommaso Monza e Claudia Rossi Valli, Mary’s bath
- Ballroom di Chiara Frigo
- A corpo libero di Silvia Gribaudi

Lo Urban Center si trova in via Porto di Brenta nel centro storico di Bassano.

Ultimi articoli

Commenti

Abbònati